Governare la Lombardia carolingia

RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
INSTAGRAM

Igor Santos Salazar, Governare la Lombardia carolingia (774-924), ed. Viella, Roma, 2021.

Saggio storico basato su una pluriennale accurata ricerca archivistica e bibliografica, corredato da Indice dei Nomi di persona e di luogo, alcune cartine geografiche.

L’enorme potere clericale esistente allora giungeva al punto che intere valli e ampi territori di pianura erano infeudati a ricchissimi monasteri: i disgraziati abitanti erano quindi incatenati alla cosiddetta “servitù della gleba”.

Un testo citato nel libro rileva come le donne nate in tali sfortunati feudi non erano nemmeno libere di sposare chi volevano: “si discuteva a proposito della condizione giuridica di Luba e dei suoi figli” poiché la donna, serva del cenobio di Sant’Ambrogio di Milano, si era sposata con un certo Domenico detto Camonno, per cui i suoi figli erano o no servi del cenobio?

Di sicuro i feudatari clericali non erano da meno di quelli laici nel limitare la libertà dei loro servi.

L’arcivescovo di Milano Lamperto è citato per “la sua capacità di attivare congiure palatine” e per la “grande somma di denaro” versata agli Ungari.

Papa Giovanni VIII, la presunta leggendaria papessa Giovanna, è citato più volte ma senza dare credito a questa leggenda.

La negligente conservazione e conseguente sparizione di molti importanti documenti diocesani medievali potrebbe essere dovuta a precise responsabilità clericali. Gli studiosi lo notano con disappunto.

La terribile pratica dell’accecamento è segnalata dall’Autore in varie occasioni come crudele mezzo di eliminazione di concorrenti alle cariche politiche medievali: la cosiddetta “carità cristiana” è quindi solo una pia leggenda, “l’accecamento, tradizionale castigo”.

I privilegi clericali sono ben evidenziati nel libro e consistevano in concessioni di beni, esenzioni fiscali e giudiziarie ecc.

Le discriminazioni contro i cosiddetti figli illegittimi furono in vigore per tutto il Medioevo, complicando le pratiche ereditarie ai danni di persone escluse da ogni eredità paterna solo a causa del mancato matrimonio religioso della loro madre.

Pierino Marazzani, febbraio 2022

RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
INSTAGRAM

Di Mikos Tarsis

webmaster dei siti www.homolaicus.com e www.quartaricerca.it

Lascia un commento

Translate »