Assassinate in maniera brutale quattro attiviste afghane

RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
INSTAGRAM

La nota attivista per i diritti umani e docente di economia Frozan Safi, 29 anni, è stata uccisa in Afghanistan a colpi di arma da fuoco.

Il corpo è stato ritrovato dopo oltre due settimane dalla sua scomparsa. L’hanno riconosciuta all’obitorio solo dai suoi vestiti. Aveva ferite da proiettile non solo sul volto (completamente distrutto) e sulla testa, ma anche sul cuore, sul petto, sui reni e sulle gambe. Gli assassini hanno rubato anche il suo anello di fidanzamento e la sua borsa.

Non hanno ucciso solo lei, ma anche altre tre donne, invitate in casa dai killer con una richiesta telefonica di raccogliere le prove del loro attivismo e di spostarsi in un luogo sicuro, e ovviamente con la promessa dell’espatrio. Poi le hanno buttate in un fossato. I cadaveri delle altre tre donne sono ancora senza identità.

Tutta questa barbarie e ipocrisia in nome di un fascismo religioso e misogino. Due persone sospettate sono state arrestate. Cosa gli faranno? Niente, c’è da scommetterci. Da settimane i Talebani danno la caccia alle attiviste. La polizia è in grado di arrivare in posti che le donne nominano solo nelle chat riservate. Non solo, ma alcune spie s’infiltrano presentandosi come giornaliste, e invece raccolgono informazioni. I Talebani sanno benissimo che bastonarle in pubblico crea un certo problema d’immagine, per questo incaricano di eliminarle privatamente.

In che razza di Dio credano questi criminali è davvero incomprensibile. Dicono che tra gli attributi di Allah vi siano anche quelli di “Colui che chiude la mano e umilia”, “l’Osservatore e ben informato”, il “Vendicatore che cancella tutto”. Speriamo che se ne ricordi quando li dovrà giudicare.

RSS
Follow by Email
Twitter
Visit Us
Follow Me
YouTube
YouTube
INSTAGRAM

Di Mikos Tarsis

webmaster dei siti www.homolaicus.com e www.quartaricerca.it

Lascia un commento

Translate »